Vi andrebbe di fare un’escursione tra paesaggi naturali incantevoli alla scoperta di un luogo storico, oltre che idilliaco? Allora la romantica Malga Fane è la meta che fa per voi. Si tratta di un piccolo villaggio alpino degno dei più bei libri di fiabe, situato sopra Valles tra gli spettacolari Monti di Fundres. Più che un villaggio vero e proprio, la Malga Fane è una distesa di verde punteggiata da baite, fienili, una piccola chiesetta e tre rifugi alpini. E il titolo di “villaggio alpino più bello dell’Alto Adige” se l’è proprio meritato.

In realtà, la Malga Fane ha origini ben poco fiabesche: fu creata nel medioevo come lazzeretto per ospitare i malati di peste e colera. Oggi invece è una delle mete escursionistiche più amate dell’Alto Adige, e ogni anno attira schiere di amanti della natura, della montagna e del trekking. Vi piacerebbe fare un’escursione alla Malga Fane con tutta la famiglia? Allora vi consigliamo di prendere il Sentiero del Latte, un percorso didattico che insegnerà ai vostri piccoli escursionisti in erba tante cose interessanti sulle mucche e la produzione casearia. Per esempio, sapevate che in estate sulla Malga Fane pascolano più di 300 mucche? Una volta arrivati avrete la possibilità di gustare e acquistare il formaggio fatto con il loro latte.

Non tutti sanno che la Malga Fane è anche una location cinematografica per film e serie TV. Tra queste, per esempio, la serie “Un dottore tra le nuvole” e persino “Smitten!”, il film d’esordio di Barry Morrow, il regista di “Rain Man”.

Il bello della Malga Fane è che inverno o estate non fa differenza: con il suo fascino incontaminato è una meta fantastica in ogni periodo dell’anno. In inverno si tramuta in una candida distesa scintillante perfetta per le escursioni nella neve, mentre in estate offre escursioni indimenticabili tra prati verdi tempestati di fiori colorati e tanta, tanta aria fresca. Venite quando volete: sulla Malga Fane vi aspettano sempre panorami spettacolari e una natura da sogno. A proposito di sogni: non perdetevi anche l’Alpe di Rodengo e Luson e le piramidi di terra di Terento, una vera chicca che coniuga natura e cultura.